Leggere e/o Guardare (a cura di Marcella Busacca)

 

 

IL FUTURO DEL FUTURISMO
DALLA RIVOLUZIONE ITALIANA ALL'ARTE CONTEMPORANEA

di Ugo Siciliano


Nel 2009 ci sarà il centenario della nascita del movimento futurista; sarà questa l'occasione per una riflessione su un movimento artistico molto importante per lo sviluppo dell'arte moderna. La Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo che, in quindici anni di attività, ha già messo al suo attivo molte importanti mostre, ha affrontato l'argomento con una vasta esposizione.
La mostra di Bergamo si distingue nettamente da quelle che fino ad ora sono state fatte su questo importante periodo della nostra pittura perché non si limita ad una presentazione delle opere che sono state prodotte dal movimento nei primi anni Novanta, ma accosta ad esse un numero notevole di artisti che hanno sviluppato, in forme e modi molto differenti, i filoni tematici del Futurismo.
Numerosi ed interessanti i temi: dall' "Energia metropolitana" all'"Estetizza\azione della politica", da "Umano troppo umano" all'"Iimmaginazione senza fili". I centoventi artisti presenti nella mostra e le duecento opere provenienti dai molti musei e collezioni private di tutt'Europa offrono un panorama straordinario di tutta l'arte del Novecento e delle numerosissime avanguardie che si sono espresse nel secolo passato. Si va da Martinetti, Carrà, Boccioni, Russolo, Balla,

Depero, Sironi, Prampolini , Majakovskij, Rodchenko, Goncarova, Leger ecc. ecc. ai più vicini Stella, Schifano, Cattelan, Chia, Pistoletto,

Sonia Delaunaj, Gilbert & Gorge, Manzoni, Haring, ecc.
Il visitatore, accompagnato con cura attraverso un allestimento che unisce ad una documentazione ricca e varia ( musiche, filmati, letture di Martinetti fatti dall'autore, autografi ) una presentazione chiara ed esauriente, riesce a cogliere il forte legame che unisce il Futurismo a correnti quali l'Arte povera, la Transavanguardia, la Pop art che si sono sviluppate in epoche differenti.

La mostra è aperta da martedì a domenica dalle 10 alle 19
Giovedì 10/22 fino al 24 febbraio 2008-01-21

21 gennaio 2008