visioni facoltative
a cura di Micaela Mander

 

 

Passioni d'amore


Abbiamo per le mani un libro che vogliamo segnalare in questa rubrica, perché ci auguriamo possa essere presto ristampato: Questi grandi amori di Grazia Nidasio. Nidasio non ha certo bisogno di presentazioni: la Stefy e la sua sorellona Valentina Mela Verde parlano da sé. Il libro in questione non fa però riferimento ai personaggi appena citati, ma raccoglie invece una serie di storie d'amore realizzate per un settimanale femminile: vi si offre una selezione tra le tante pubblicate, e tra le tante possibili che Grazia Nidasio avrebbe potuto scegliere di disegnare, come l'autrice stessa spiega nella prefazione.
Di quali amori ci parla Nidasio? Non aspettatevi storie romantiche nel senso classico del termine. Quello che Nidasio vuole sottolineare è, forse, la grande varietà delle passioni umane: amore è una parola-contenitore che può essere utilizzata per indicare la passione verso un essere simile a sé, o la passione per sé; o ancora la passione per il denaro, o la passione per la politica e la patria, per l'arte, etc., insomma tutte le sfumature che rendono in fondo il sentimento umano interessante e degno, nel bene e nel male, di essere raccontato.
Le coppie prese in esame sono, nell'ordine, Edoardo d'Inghilterra e Wallis; Gabriele d'Annunzio e la marchesa Alessandra di Rudinì; Rodolfo Valentino e una misteriosa dama in nero; Francis Scott Fitzgerald e la moglie Zelda; Gertrude Stein e Alice Toklas; Cristina di Belgioioso e la patria; Jackie Kennedy e Onassis. Di queste, Nidasio mette a nudo i lati meno "politically correct": si vedano, ad esempio, le tavole con il volto deformato di Jacky (per l'avidità) o di Wallis e del suo consorte (per la vita estremamente sregolata).


Non c'è sempre un lieto fine, e anzi abbonda, o almeno così ci sembra, una ironia amara e a volte un filo di cattiveria verso le donne: forse stiamo usando delle espressioni un tantino forti, ma vogliamo sottolineare come Nidasio sappia essere impietosa, e non difenda a spada tratte le donne in quanto donne, soprattutto non quando non se lo meritano affatto. Per questo ci piace tanto questo volume: non è melenso, non è scontato, è molto vero.

 

                                                                                            micaela mander

le immagini qui pubblicate sono state scelte dall'artista stessa

Abbiamo parlato di:
Grazia Nidasio, Questi grandi amori, CartaCanta 2000

                                                                                      16 gennaio 2012

 

 

O