Voci di artiste

 

 

Irja Rantala

testo e foto di Antonella Prota Giurleo


Centro artistico di Hovinkartano, Sotjalantie 58, Hauho
Mostra retrospettiva di Irja Rantala
5 luglio - 2 agosto 2015
da martedì a domenica, 11 - 17

Nel luglio 2015 si è svolta una importante mostra retrospettiva dell'artista Irja Rantala ad Hovinkartano, centro artistico finlandese nel territorio di Hauho,

nella regione di Hame.

Irja, oggi donna ottantenne che pare tanto più giovane, mi ha incantata per il suo essere e per il suo lavoro artistico dal nostro primo incontro, avvenuto esattamente ad Hovinkartano nel 2007 durante il primo simposio internazionale al quale ho partecipato fuori dall'Italia.

Mi ha affascinata rivedere i piccoli collages che ricordavo così bene

e riscontrare, nella ricca esposizione, un percorso pittorico basato sulla professionalità e sulla ricerca.
Non conoscevo le opere di impianto realistico dei primi anni di attività dell'artista

ma è davvero stato interessante verificare come le stesure di colore quasi piatto di queste prime opere si trasformino in campiture quasi monocrome in opere più recenti.


Il richiamo a Rothko sarebbe forse immediato nelle forme ma le gradazioni e gli accostamenti di colore, mai squillanti, dicono di una personale ricerca femminile.

Ricerca che risulta evidente anche nell'espressione attraverso la realizzazione di libri d'artista, esposti, con Pirjo Heino, ad Hovinkartano nel 2007



ed oggi nella mostra, itinerante fra diverse biblioteche del Sud Finlandia, sulla teoria del colore

L'artista che, con Pirjo, artista e curatrice, abbiamo incontrato nella sua casa studio a Tuulos, sostiene che l'età è costituita solo da numeri e che ciò che conta è ciò che si ha nella testa.

La casa studio è gaia, allegra e calda e corrisponde perfettamente alla sensibilità e al carattere dell'artista.

Visitando le varie stanze sono rimasta colpita dalla quantità di opere; dipinti e collages dell'attività artistica,


icone degli anni di studio ed elaborate successivamente,

piccole installazioni realizzate recuperando oggetti d'uso quotidiano, strappati alla dimenticanza attraverso la restituzione di una nuova ragione di esistenza dicono di un'attività attenta e continua, segnata dalla predilezione per il colore azzurro.


17 agosto 2015